RSS

RLI …. OVVEROSIA REGISTRARE UN CONTRATTO DI LOCAZIONE

18 Ott

A chi non è mai capitato di affrontare il problema della registrazione di un contratto di locazione sia esso di tipo abitativo che commerciale sia nella veste di locatore del fondo immobiliare oppure quale inquilino delegato dal proprietario stesso.

Comunque al di là di ogni situazione soggettiva è bene sapere come è cambiata la normativa in merito all’adempimento presso l’Agenzia delle Entrate circa la registrazione di un contratto ModelloRLIdi locazione.

Dal 2014, è entrato in vigore il modello “ RLI “, sigla di “ Registrazione Locazione Immobili ”, esso è scaricabile on line dal sito dell’agenzia delle entrate, insieme alle istruzioni e sostituisce in tutto, il vecchio modello 69 solo cartaceo.

Esso racchiude in un unico modello sia la possibilità di registrare che di effettuare variazioni come di cessare un contratto di locazione, inoltre è possibile optare/revocare la cedolare secca ed è prevista un’apposita sezione dove inserendo i propri dati IBAN è possibile effettuare il versamento della relativa imposta che viene automaticamente calcolata insieme all’imposta di bollo.

La sua entrata in vigore è datata 3 febbraio 2014, quindi della sua operatività, ma fino al 31 di marzo del 2014 vigeva la doppia possibilità cioè, in alternativa con il modello 69.

Successivamente al 31 di marzo 2014, sono scomparse anche le procedure informatiche previste dall’Agenzia delle Entrate per effettuare le registrazioni come gli adempimenti successivi ( Procedure IRIS e SIRIA ).

Vediamo ora chi può utilizzare il canale telematico.

Tutti, possono scegliere il canale web e inviare il modello RLI, direttamente o tramite un intermediario abilitato.

Vi è alla fine del modello un apposito “ format “ dove è possibile inserire degli allegati, in primis copia del contratto di locazione. Le istruzioni dicono però che, non occorre allegare copia del contratto di locazione nei seguenti casi:

  1. sia i locatori sia i conduttori non sono più di tre;

  2. l’appartamento è soltanto uno e le relative pertinenze non sono superiori a tre;

  3. gli immobili sono censiti con attribuzione di rendita;

  4. il contratto stabilisce solo il rapporto di locazione e non altre accordi;

  5. i firmatari sono persone fisiche che non agiscono nell’esercizio di un’impresa, arte o professione.

Attenzione ho più volte letto in rete che gli allegati possono essere inseriti in formato PDF, ma non è assolutamente vero, personalmente ho provato più volte ma non vengono inseriti, il formato da utilizzare ( che leggendo bene sul format risulta ben specificato ) è il PDF/A.

Il modello è di facile compilazione con la sezione A, di informazioni generali, un quadro B, dedicato ai dati dei soggetti, un quadro C, che prevede i dati tutti degli immobili, ed un quadro D, riferito ad opzioni/revoca della cedolare secca.

Nel basso ad ogni quadro dopo la compilazione è previsto un pulsante di salvataggio dati che restando in memoria possono tranquillamente essere ripresi anche in un momento successivo.

Termina con un riquadro nel caso si voglia usare l’invio telematico.

Esiste poi la sezione di stampa modello RLI.

Per completezza allego in basso tre locandine che cliccandoci sopra vi apriranno i relativi file.

Nota2 copia

Nota3

Gianluigi Montini – commercialista –

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 18 ottobre 2014 in Fiscale

 

Tag: , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: